Dancing With Maria

logo_registrazione
Venerdì 27 febbraio alle 20,30

dancing2DANCING WITH MARIA
di Ivan Gergolet
(V.O. con sottotitoli in italiano)
Sceneggiatura: I. Gergolet:
fotografia: I. Gergolet, David Rubio;
montaggio: Natalie Cristiani;
musiche: Luca Ciut;
suono: Havir Gergolet, Francesco Morosini
Con Maria Fux, Martina Serban, María José Vexenat, Marcos Ruiz, Macarena Battista, Diana Martínez
Produzione: Transmedia, in coproduzione con Imaginada Films, Staragara
Distribuzione: Exit media
(Italia, Argentina, Slovenia 2014, col., durata: 75’)
Premio ‘Civitas Vitae Prossima’ alla 29a Settimana Internazionale della critica (Venezia 2014)

A più di 90 anni, con molte sfide e traguardi alle spalle, la celebre e affascinante danzatrice argentina Maria Fux non ha perso la vèrve e la grazia che ne hanno fatto una delle grandi stelle della danza. Nella sua casa-studio di Buenos Aires, Maria Fux ha una missione, quella di trasformare i limiti di ognuno in risorse con la danza e la simbiosi con la musica. Nei suoi corsi ballano insieme danzatori di qualsiasi condizione ed estrazione sociale, uomini e donne con malattie fisiche e mentali, tutti alla scoperta di se stessi e degli altri. Perché «la danza è l’incontro di un essere con gli altri». L’incontro con l’energia e la danza di Maria cambiano la vita di chi l’incontra. Ora, dopo aver sperimentato e trasmesso agli altri per tutta una vita il suo metodo basato sulla percezione dei ritmi interni e sulla simbiosi con la musica, la sua ultima sfida è cominciata. Deve trovare per sé la stessa forza che ha trasmesso ai suoi allievi, una forza intima e misteriosa. Una forza che può far danzare un corpo di 90 anni.

“[…] Nel mio film racconto Maria Fux e i cambiamenti che la sua danza porta nella vita delle persone: non grandi rivoluzioni che modificano la società, ma intime prese di consapevolezza che cambiano gli individui. Maria Fux e il suo mondo non solo sono impregnati di arte e poesia, ma anche dei valori che questa donna sparge e insegna. L’inclusione, l’accettazione, il punto di vista sul corpo dell’altro non solo si manifestano come valori di civiltà, ma anche come fondamenti di una bellezza misteriosa che ogni essere umano porta in sé”. (Ivan Gergolet)

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE