El Estudiante

logo_registrazione
Venerdì 20 febbraio alle 20,30

estudiante loc

EL ESTUDIANTE (Lo studente) opera prima di Santiago Mitre
Sceneggiatura: S. Mitre, Mariano Llinás;
fotografia: Gustavo Biazzi, Federico Cantini, Alejo Maglio, Soledad Rodríguez;
montaggio: Delfina Castagnino;
musiche: Los Natas;
scenografia: Micaela Saiegh;
costumi: Marisa Urruti, Carolina Sosa Loyola. Con Esteban Lamothe, Romina Paula, Ricardo Felix, Valeria Correa.
Produzione: Unión De Los Ríos, Pasto Cine, in assoc. con Wanka Cine, El Pampero Cine, Tierra Colorada Films.
(Argentina 2011, col., durata: 110’, con audiodescrizione)
Premio Speciale della Giuria Ciné+ Cineasti del Presente al 64mo Festival di Locarno 2011.

Roque Espinosa (Esteban Lamothe), giovane studente, arriva a Buenos Aires intenzionato per l’ennesima volta a riprendere il percorso universitario. Poco interessato alle lezioni, fa amicizia con altri studenti, rimorchia ragazze e si gode le uscite serali. Invaghitosi di Paula (Romina Paula), assistente universitaria, che vede durante un comizio, tenta di sedurla, entrando nel mondo della politica universitaria. Scopertosi abile paroliere e carismatico trascinatore di folle, Roque rimane sempre più coinvolto dal gioco della politica, sotto la guida del professor Alberto Acevedo (Ricardo Felix), che gli insegna a pianificare ed organizzare comizi, alleanze e strategie, fino a perdere di vista il contenuto politico dell’operazione: conta solo vincere.

Opera prima di Santiago Mitre, l’astro nascente del nuovo cinema indipendente argentino. Gran lavoro di sceneggiatura che narra la storia di formazione politica di un giovane che riesce a farsi strada nelle strutture di potere del mondo universitario. Girato interamente in digitale e con scarsi mezzi, questo film “povero” è stato una sorpresa al festival di Locarno. Trattando di un argomento a noi così estraneo (la politica universitaria argentina), il regista Santiago Mitre è riuscito a realizzare un film coinvolgente e dalla portata internazionale, rappresentando il particolare in luogo dell’universale: i mali della politica (ovvero il perdere di vista l’obiettivo primario dell’amministrare per il bene comune in favore di un gioco strategico per la conquista del potere) sono uguali ovunque, e Mitre descrive come in Argentina (solo lì?) questa gara spietata al consenso si consumi già nelle aule universitarie. Gran Prix della Giuria a Locarno, presentato di recente al MoMA di NY.

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE