LA BATTAGLIA PER IL FILMSTUDIO CONTINUA!

Bernardo Bertolucci e il Filmstudio

Bernardo Bertolucci e il FilmstudioDopo oltre due mesi dalla scomparsa il Filmstudio dedica un ricordo a Bernardo Bertolucci, con il quale aveva stabilito fin dal 1967 un intenso rapporto di stima e amicizia reciproca. Troppi i ricordi, gli eventi e i momenti che ci hanno accompagnato in un percorso durato cinquant'anni. Lo ricorderemo spesso. Cominciamo con il proporvi un breve stralcio filmato di una intervista sul Filmstudio che Bernardo ci concesse ( ad Armando Leone e al regista Toni D'Angelo – primavera 2015) nella sua mitica casa di Trastevere.

Pubblicato da Cinema Filmstudio su Sabato 9 febbraio 2019

LA BATTAGLIA PER IL FILMSTUDIO CONTINUA!
Abbiamo inviato un messaggio alla Regione Lazio. Precisamente a Nicola Zingaretti (Presidente e Assessore alla Cultura) e ad Albino Ruberti (Capo di Gabinetto). 
Crediamo basti il testo di questa lettera per comprendere il senso dell’impegno militante e sempre indipendente che vogliamo portare avanti.
Come in ogni altro passaggio di questo confronto rendiamo pubblica la comunicazione e la condividiamo con i nostri amici e sostenitori. 
IL PROGETTO CULTURALE E SOCIALE CHE ABBIAMO DECISO DI RIAFFERMARE SARÀ COMUNE, COLLETTIVO E CONDIVISO. OPPURE NON SARÀ.
A breve dovrebbe avvenire l’incontro che abbiamo chiesto.
Pretendiamo una risposta politica e non burocratica. Noi siamo pronti ad assumerci una responsabilità storica e culturale che riguarda Roma e i Romani e che coinvolge il Paese.
Ci auguriamo che sia Nicola Zingaretti ad accettare il confronto politico e avremmo in ogni caso preferito un incontro pubblico.

Questo il testo della nostra lettera:

Onorevole Presidente Nicola Zingaretti,
Gentile Capo di Gabinetto, Dott. Albino Ruberti,
in questi mesi di sospensione di dialogo abbiamo avuto modo di verificare l’affetto e la partecipazione che legano migliaia di cinefili al Filmstudio.
Da tutta Italia sono giunti messaggi di solidarietà e di sostegno che hanno manifestato il vincolo intenso e indissolubile con tanti cittadini che amano il cinema e che sono legati ai luoghi che hanno reso unica l’esperienza cinematografica in sala.
Questa straordinaria vicinanza ha imposto da parte nostra una riflessione che va ben aldilà della triste vicenda burocratica che ci ha costretto in questi ultimi 3 anni alla chiusura del Filmstudio.
L’impegno che ci viene richiesto dall’Amministrazione regionale è senza alcun dubbio assai gravoso ma abbiamo scelto di mantenere in vita il filmclub più storicamente importante di Roma e non solo di Roma.
Il nostro è un atto d’amore per la nostra Città, per il cinema e per quella dimensione di offerta culturale libera e indipendente che tutti gli Italiani vedono purtroppo scomparire.
La nostra è evidentemente anche una chiara presa di posizione per arginare la mercificazione di luoghi in cui cultura e memoria, tradizione e impegno vengono messi a bando, e al bando, per questioni di interesse particolare e privatistico.
Intorno a noi c’è un mondo che ci sostiene e che si oppone alla deriva rovinosa e infernale che sta inaridendo Roma e l’Italia.
Chiediamo quindi un incontro con lei e con i funzionari competenti per esporre la nostra proposta e per concordare gli strumenti e le modalità che ci consentiranno di mantenere in vita il Filmstudio restituendolo ai Romani e a tutti coloro che desiderano andare al cinema per essere parte attiva di un processo di rigenerazione civile, culturale e sociale.
Il Filmstudio è un organismo vivo in una città che vuole vivere. Siamo e restiamo accanto ai nostri concittadini per il rilancio culturale romano.
Siamo pronti e determinati a proseguire il nostro impegno affinché Roma torni a crescere.
Per questo ci assumeremo la responsabilità e l’onere di far sopravvivere il filmclub in cui Bertolucci, Eduardo De Filippo, Godard, Moretti, Pasolini, Rossellini, Taviani, Truffaut, Wenders, Verdone e tanti altri sono passati da protagonisti.
Protagonisti come tante donne e uomini che vogliono essere parte attiva della storia culturale del nostro Paese.
Restiamo in attesa di un vostro prezioso riscontro

Filmstudio
Roma
Armando Leone e Stefano Pierpaoli

Lascia un commento